Il corretto regime alimentare da seguire per mantenersi in forma

Tenersi in allenamento e fare attività fisica apporta importanti benefici sia a livello psicologico che fisico. Ma ricordate che il solo movimento fatto in palestra o in modo autonomo a casa non basta per ritrovare la tanto agognata forma fisica. Medici e professionisti del settore del fitness sono unanimi nel ritenere che mantenere un corretto regime alimentare aumenta le possibilità di ottenere risultati concreti e visibili.

La prima cosa sbagliata da pensare è che una dieta drastica faciliti il processo di dimagrimento. Non c’è niente di più sbagliato, perché un corpo in salute è quello che riceve tutti gli elementi utili al fabbisogno giornaliero. Ciò che è, invece, corretto è mangiare un po’ di tutto nelle giuste dosi, senza esagerare!

Innanzitutto l’alimentazione quotidiana prevede l’introduzione di 5 pasti (colazione, spuntino di metà mattina, pranzo, merenda e cena). Per colazione evitare cibi con molti zuccheri come brioche e cornetti ripieni e preferire cereali, succhi di frutta, yogurt magro o ancora una frutta, qualche biscotto e un bicchiere di latte. A metà mattina, dopo 2-3 ore dalla colazione, per non arrivare troppo affamati al pranzo, sarebbe bene mangiare un frutto di stagione, della frutta secca come mandorle o nocciole, ricche di vitamina B. A pranzo la pasta è ammessa solo se assunta in quantità non superiori ai 70-80 gr. da alternare, magari, a riso, farro, zuppe di legumi, minestre. L’assunzione di legumi e verdure è consigliata fortemente poiché apporta vitamine, proteine e depura l’organismo.  Verso le 16.30 – 17 del pomeriggio, ci si può concedere uno yogurt, una barretta dietetica, una carota, qualche galletta di riso ed evitare patatine e biscotti. La cena, il pasto che conclude la giornata, dovrebbe essere il più leggero perché antecedente le ore di riposo, quando l’organismo, ovviamente, digerisce in modo molto più lento. Per cena largo al pesce e alla carne bianca da preferire assolutamente alla carne rossa. Per accompagnare il secondo si può assumere del pane ma in quantità limitata poiché contenente molti carboidrati.